Renato d’Andria

Renato D'Andria è il leader del Partito Democratico Socialista Italiano (PSDI). Si sta impegnando per dare una svolta al sistema politico ed economico Italiano - le sue idee sono realistiche, moderne e innovative in egual misura. Renato d'Andria è fermamente convinto che il futuro economico dell'Italia sarà prospero, e in quanto economista e accademico esperto, ha la volontà e le competenze per prevedere il miglioramento che i suoi progetti aspirano a portare nella qualità di vita degli Italiani.


Negli anni '80, Renato d'Andria ha fondato numerosi istituti di formazione per giovani imprenditori, contribuendo a lanciare le carriere di decine di manager e uomini d'affari di successo Italiani. Coltivare il talento è uno dei suoi valori fondamentali quando si tratta di ricostruire l'economia Italiana: tra i principali progetti di D'Andria, vi è un programma che prevede lo scambio delle conoscenze e delle competenze degli Italiani con i paesi in via di sviluppo, a favore di accordi commerciali negoziati correttamente e di reciproco beneficio. Ciò allevierebbe la pressione sul sistema pensionistico Italiano, già fortemente logorato, e diminuirebbe il peso della disoccupazione giovanile.


Renato D'Andria è realista ma non ancora stremato dai problemi che l'Italia è attualmente costretta ad affrontare. L'obiettivo a lungo termine è quello di ridurre i livelli di tassazione sulle imprese per invertire la crescita della criminalità organizzata. Ritiene, infatti, che molti imprenditori siano costretti a lasciare il paese o a rivolgersi al mercato nero per sopravvivere alle opprimenti aliquote fiscali.


D'Andria ha fondato la Fondazione Gaetano Salvemini, un agglomerato di esperti e di idee, che corre in parallelo alla sua carriera politica. La libertà di pensiero e la giustizia sociale sono fondamentali; d'Andria organizza dibattiti ed eventi volti a esponsabilizzare i cittadini Italiani attraverso la promozione del pensiero politico e favorendo la creatività e l'innovazione, soprattutto tra i giovani.