Héctor Valdés

«Caro mi e il sonno. E piu l’esser di sasso mentre che il danno. E la vergogna dura; non veder. Non sentir m’e gran ventura pero non mi destar; deh, parla basso»