antonella rossi

Verona

antonella rossi

Verona

Profilo Antonella Ho sempre cercato di trovare,nei vari ambienti, dove ho lavorato, spazi di novità. Anche quando giovanissima ho cominciato ad insegnare ho scelto di farlo, in un circolo sperimentale, il 13 * dove non c'erano classi ma unità pedagogiche, dove i bambini potevano seguire i propri percorsi e i tempi di apprendimento erano rispettati, ogni lunedì i bambini facevano l'assemblea dove si discutevano problemi e proposte. Era la fine degli anni ottanta, il mio libro sul comodino "lettera ad una professoressa" di Don Milani. Nel 1994 con due figli piccoli, decido che voglio dare un valore aggiunto alla mia esperienza, e mi iscrivo a scienze dell'educazione : esperto nei processi formativi. L'università accende in me la febbre del trovare conferma nelle teorie di molte intuizioni, che insegnando avevo avuto. Insegnavo di giorno, il pomeriggio a casa, la notte sui libri, non mi blocca nulla, nel luglio del 1999 mi laureo con una tesi, per quei tempi, sperimentale, sugli stereotipi delle insegnanti sui bambini immigrati. Nel frattempo con il prof.Gabriel Maria Sala, sindacato e il provveditorato agli stupidiamo vita a TANTE TINTE centro di formazione e di documentazione per le insegnanti che si trovano a far fronte all'emergenza immigrazione. Io vengo distaccata per 3 anni dall'insegnamento per portare avanti questo progetto. Nel frattempo, comincia la mia collaborazione con l'università, pedagogia speciale, handicap, mi interessò di difficoltà di lettura e scrittura, tengo corsi presso le università di Padova, Venezia e Verona, arrivò ad un passo da iniziare la mia carriera accademica come ricercatore, ma tutto si arresta, mi rendo conto che la mia dedizione, la mia intelligenza non bastano.......Io non ci sto e me ne vado sbattendo la porta. Il 2003 anno difficilissimo, tutto crolla il mio matrimonio, già molto in crisi, i miei sogni , le persone di cui mi fidavo mi girano le spalle, sono sola, ma come al solito quando tutto sembra chiuso, arriva una telefonata dall'asl 22 e mi ritrovo nello staff del progetto benessere. Nel giro di una settimana tutto ricomincia, io non avevo chiesto nulla, la vita prende e da.