Brice Coniglio

Project Manager, Artist, and Art Director in Torino, Italia

Brice Coniglio

Project Manager, Artist, and Art Director in Torino, Italia

Hire me

Torino, 1977. Ha studiato Lettere e FIlosofia.

A partire dall'attività di regista e direttore di Coniglioviola, fino alla recente fondazione di Kaninchen-haus, la sua attività è caratterizzata da un tentativo di ridefinire la figura dell'artista attraverso strategie non convenzionali di relazione al sistema, ma anche dall'utilizzo della pratica artistica come veicolo di una fuga dai concetti di identità e professione.
Nel 2000 fonda con Andrea Raviola il collettivo/marchio Coniglioviola, bottega rinascimentale nell'era digitale, attivo trasversalmente dalla net.art al teatro, passando per il video, la performance e la fotografia. Tale eclettismo deriva da una concenzione del medium digitale come meta-linguaggio. La rivoluzione digitale diviene strumento per riaffermare una concezione rinascimentale dell'artista e per superare la visione specialistica dell'individuo (di qui il Coniglio Vitruviano del logo).
Con Coniglioviola la ricerca si orienta, spesso ricorrendo alla provocazione o all'ironia, verso il territorio della cultura pop-olare, luogo di produzione di miti culturali condivisi.
Tra i progetti più significativi: l'opera net.art La meditazione di Yolanda (2001), lo spettacolo multimediale Recuperate Le Vostre Radici Quadrate (2004-06) ; l'Attacco Pirata alla Biennale di Venezia (2007); il progetto Nous deux (2007) con Unicredit&Art a Parigi ; il premio Pagine Bianche d'Autore ad Artissima 2007, la censura dell'opera Ecce Trans nella mostra Arte e Omosessualità a Milano, i video Romantici, Le vent nous porterà e Ci sarà-tributo escatologico ad AlBano e Romina Power, il concerto-spettacolo Concerto senza titolo (2009), interpretato da Antonella Ruggiero, sulla collisione tra cultura pop e il tema tabù della morte, infine la personale-antologica Sono un Pirata/Sono un signore al PAC di Milano (2009).
Nel 2010 Brice fonda Kaninchen-haus, organizzazione indipendente, animata da un'idea di ospitalità e condivisione. Con Kaninchen-Haus nel 2011 dà vita - a latere della Biennale di Venezia - l Pirate Camp - The stateless Pavillion. Residenza itinerante in campeggio che offre "rifugio" a giovani artisti in occasione dei grandi eventi d'arte. Attualmente è impegnato nella preparazione di viadellafucina A.I.R. - progetto sostenuto dalla Compagnia di S.Paolo a Porta Palazzo, Torino - basato sulla cooperazione internazionale tra artisti.